SI PUO PERDONARE CHI HA STUPRATO?

Immagine
Quando compiamo un’azione sappiamo che c’è sempre una reazione e penso che occorra chiedersi che effetto faccia perdonare gli altri ed essere poi perdonati a sua volta. Perdonare è rinunciare alla vendetta alla punizione per ciò che si è subito. Che cosa è dunque il perdono? E si può sempre perdonare sempre e chiunque e per qualsiasi cosa? Moralmente dovrebbe essere così. Pero.....! 
Riuscire a provare il perdono per l’altro può voler dire dentro di se di costringere un pò se stessi a non immaginare di ridurre l’altro sottomesso, a soccombere sotto lo stesso, se non più forte, male che ha causato. Indubbiamente la rabbia spinge istintivamente alla vendetta, ma il perdono può traghettare verso una grande umanità, dare all'altro e a se stessi, una nuova possibilità perché tutti possono essere capaci di fare il meglio ma anche di fare il peggio. Il perdono lo predicano in pochi, forse quelli più maturi e vicini alla propria religione, ma i giovani e quelli un po’ più delusi ed amaregg…

I RAPPORTI SESSUALI SONO NECESSARI?


vivere sesso


Il sesso è soddisfazione e non solo, ed il grado di bisogno che ognuno di noi prova nel ricercarlo, è fortemente individuale. Forse sarebbe più corretto dire che abbiamo bisogno della sessualità, in quanto poi i rapporti sessuali sono solo uno dei modi che abbiamo per esprimerla, mentre le fonti di godimento possono essere legate ad aspetti sottintesi della sessualità. 


I bisogni sono tanti e vanno interpretati uno per uno. A questa domanda s’inserisce a ruota, quasi in automatico, una seconda domanda, ovvero, se per la profonda soddisfazione piena sia poi fondamentale allungare il piacere con i preliminari. Il sesso equivale a soddisfazione ma non tutti credono che i preliminari siano così importanti, per altri invece sono indispensabili. Mettere in atto cose eccitanti, fare petting, certamente danno un valore aggiunto al piacere che deriva poi dal conseguenziale sesso. Google sostiene che questo tipo di domande sono continuamente cliccate sui motori di ricerca. Per alcuni i preliminari sono un po’ come l'aperitivo prima di un ottimo pranzo, quindi si potrebbe pure mangiare senza, ma di fatto una buona dose di passione anticipata da quel peso in più, quella ulteriore qualità, alla soddisfazione che si ricava poi dal sesso vero. E’ un bene arrivare al rapporto intimo con un grado di eccitazione crescente eliminando quella tendenza di arrivare subito al sodo, senza tenere in considerazione la soddisfazione e felicità dell’altro. Qualcuno ha detto che la più grande soddisfazione sta nel viaggio e non nel raggiungere la destinazione. Una premessa ed ambiente adeguato sono la strada giusta per condurre ad una vera partecipazione, ad un pieno coinvolgimento alla passione, all'eros, fatto di contatto, coccole, parole dolci, effusioni e carezze. 

Le fonti di godimento possono essere tante, e vanno soddisfatte correttamente, ad esempio il gusto è soddisfatto da un ottimo  pranzo, la vista da un immagine bellissima, l’udito da una musica sublime, il sesso è il sesso. Eppure tanti raggiungono una propria sublimazione individuale spostando il desiderio che conduce ad una pulsione verso l’altro, ed indirizzandolo diversamente nel provare piacere ed appagamento nella curiosità, nella ricerca, nella creazione artistica ed altro. Dunque non tutti hanno bisogno, allo stesso modo, di rapporti sessuali, o per lo meno non sempre. Il progresso ha consentito di spostare gli interessi verso altre destinazioni e di incanalare la pragmatica energia sessuale verso altre mete. Infatti le ricerche sostengono che i più giovani hanno spostato verso il basso, nella loro scala di valori, l’interesse per il sesso. Ora in effetti il sesso non è solo attività tra le lenzuola, ma anche sistema effettivo ed efficace di comunicazione in una coppia, sia essa stabile che provvisoria, in pratica fa parte integrante di una vera comunicazione affettiva tra un uomo ed una donna. Questo è un passo importante che ogni essere umano deve provare, perché, la sola attività limitata al sesso non può garantire tanta soddisfazione come si i immagina, compiere solo l’atto senza alcun coinvolgimento, senza un minimo di sentimenti ed emozioni è un qualcosa già destinato a cadere prima o poi, può esistere ed essere divertente e esaudiente solo per un breve periodo. 

E’ vero anche che il sesso è necessario per la procreazione e per il mantenimento della specie, infatti l’uomo, come l’animale ha bisogno del sesso altrimenti si estinguerebbe, ma da un po’ di tempo va scemando quella parte animale primitiva. Qui subentra quella parte egoistica di soddisfazione che fa mantenere ancora quell’impulso sessuale che non ha più motivo di esistere perché si sente il dovere contribuire alla sussistenza della specie umana.  Nel rapporto sessuale si liberano diversi ormoni che migliorano lo stato umorale rendendoci più felici e tranquilli, è l’ossitocina che ci aiuta a liberarci dallo stress inibendo infatti quell’area cerebrale responsabile delle tensioni psicologiche. Poi ci sono le endorfine che sono degli antidolorifici naturali, ovvero riducono il dolore, dopo ancora la dopamina che provoca una sensazione di piacere e appagamento in seguito al rapporto sessuale, determinando un benessere psico fisico. Fare sesso ci rende indubbiamente felici e appagati, ci migliora la salute sia fisica che psichica e, soprattutto ci fa stare bene perché ci piace, per questo il sesso va ancora “di moda”. Per alcuni il sesso non è una necessità vera e propria, riescono anche a farne a meno ed anche con naturalezza e senza sforzi. Per altri va al contrario, è un’idea costante, un desiderio, quindi, dopo, una necessità. 

Gli esseri viventi sono diversi, ci sono quelli più compulsivi, a volte ossessivi ed altri a cui importa meno, quasi nulla. Poi c’è l’aspetto religioso che ha il suo peso. Sarà anche giusto seguire le istruzioni e restrizioni proposte negli anni da chi ci ha preceduto, spetta poi a noi e al nostro libero arbitrio valutarle e decidere sul da farsi. Poi c’è ancora l’ aspetto ludico, si fa sesso perché piace e perché va visto come un gioco della coppia. Non è sbagliato. Un rapporto sessuale non può essere ogni volta approvato dalla nascita di un figlio. Se così fosse avremmo tutti mille figli o solo tre rapporti in tutta la vita. Abbiamo imparato a evitare questa conseguenza naturale con metodi contraccettivi che precedono o che seguono l’atto fine a se stesso. In una coppia che funziona, il sesso è certamente una valvola di sfogo che comporta una maggiore intesa e complicità, l’intimità, il conoscersi vicendevolmente anche al di là di ciò che si fa tra le lenzuola. 

La realtà della sessualità è molto variegata e non si può rinchiuderla a mera procreazione, o solo istinto, o solo piacere. E’ un aspetto fondamentale dell’individuo che esige spazio e completezza in tutta la sua interezza. Io concludo dicendo che secondo me non se ne può fare a meno.

Post popolari in questo blog

LA BELLA E LA BESTIA IL SIGNIFICATO

LE DONNE. ALDA MERINI

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

A’ CUSCIENZA DI TOTO’

IL PIU' BELLO DEI MARI. NAZIM HIKMET

A TUTTE LE DONNE DI ALDA MERINI